28 aprile 2008

L’ idolatria della polvere e i moderni “Tomb Raider”

La questione della riesumazione ed esposizione delle spoglie di Padre Pio sta diventando un "caso" nazionale. L’esposizione del corpo del religioso, assurto dal 2002 al ruolo di santo dopo la riesumazione della sua salma fatta la notte tra il 2 e il 3 marzo scorso, è infatti avvenuta a distanza di soli 40 anni dalla sua morte. Naturalmente tra il gaudio dei suoi “riesumatori” che come bambini in brodo di giuggiole per il nuovo giocattolino, hanno raccontato con diverse perle di anatomia, mista a macabra euforia, l’allegra riesumazione. Vi riporto, ad esempio, degli estratti dell'avvincente racconto di uno dei Periti del Vicariato di Roma per la conservazione dei santi, che ha già trattato i corpi di numerosi santi e beati, tra cui i papi Giovanni XXIII, Pio IX, Pio X e Chiara d'Assisi...ovvero un espertone in materia che al suo confronto Lara Croft, la pettoruta protagonista di “Tomb Raider” (“profanatore di tombe”) la serie di avventure videoludiche più celebri del mondo (interpretata al cinema da una improbabile Angelina Jolie), è un insignificante e volgare sciaquetta raspasabbia. L'espertone dunque racconta che quando è stato riesumato, il corpo:
“...non emanava odori…c'erano la testa, colpita solo da un iniziale processo di scheletrizzazione, il volto, la barba e i baffi integri di San Pio,...il volto era soltanto privo della cavità orbitale…il corpo invece ha conservato il volume originario…torace, costole, rachide e spina dorsale erano intatti e compatti …nella parte dorsale è stato notato un colore rosa che poi si è rivelato essere il colore della carne… abbiamo fatto una normale disinfezione e conservato i tessuti senza effettuare nessuna mummificazione (versione “natùre” come il tonno al naturale, senza aggiunta di olio) ...

Spiegato anche il toccante motivo circa l'uso della maschera di cera che riproduce il viso del santo: Abbiamo voluto offrire l'immagine del Padre Pio che tutti conoscevano ed è di una fedeltà che ci ha commosso…”. Naturalmente non si è badato a spese e la raffinata maschera è stata realizzata nientepopòdimenoche dalla stessa ditta inglese che crea quelle di Madame Tussauds, il celebre museo delle cere di Londra.

Ora, con tutto il rispetto possibile per la figura di questo santo e dei suoi fedeli, mi domando: ma è proprio necessario il bisogno di venerare le spoglie mortali di un santo? La Bibbia stessa non spiega che "polvere sei e polvere diventerai"? Su internet ho letto in merito un ottimo articolo (a fine post il link) che ricalca in toto il mio pensiero:

Per un fedele il corpo è solo un involucro che contiene l’anima di un individuo, che se ne libera al momento della morte… Le spoglie mortali di un individuo non hanno più nulla a che fare con quell'individuo, non gli appartengono più, anzi, dopo essersi decomposte, rientrano nei cicli naturali per formare altre strutture

Quell'ammasso di materia che viene ora esposto a San Giovanni Rotondo, materia che esiste da sempre e che prima contribuiva a comporre la struttura magari di altri esseri viventi, di rocce, di acque, e perchè no, stelle e pianeti lontani, non ha nulla per cui essere venerato, se non forse per l'aver compiuto "l'ultima tappa" nel formare il corpo di Padre Pio.

L'incapacità di domandarsi se quell'ostensione avrebbe fatto piacere a Padre Pio accompagna la necessità di concretizzare in maniera tangibile la sua presenza, di renderla visibile, di richiamarla e di rievocarla, come se l'idea della sua vita ultraterrena non bastasse. Il cercare una via, un collegamento fra spoglie mortali e anima è sintomo, più che di devozione, di una certa fragilità di fede

Così, contrariamente a quanto disposto dalle Sacre Scritture, quindi, a San Giovanni Rotondo si venera qualcosa, non qualcuno. Nulla è tanto lontano dalla ipotizzata anima di un individuo quanto il suo corpo terreno. Ma perchè allora questo tentativo di percepire attraverso il materiale ciò che è assolutamente spirituale?

Io una risposta ce l’avrei: secondo il Vaticano, negli alberghi di San Giovanni Rotondo (che contano in totale 9.000 posti letto) e nei paesi vicini si registra già il tutto esaurito per le prime settimane dedicate all'ostensione, e le prenotazioni da tutto il mondo si susseguono al ritmo di 10.000 al giorno. Proprio per questo l' ostensione delle spoglie potrebbe protrarsi per un anno. Se uno più uno fa due...
Se siete in odore di Santità siete avvisati...anzi...seguite questo semplice consiglio: disponete di essere cremati e fate gettare le ceneri in mare.


23 aprile 2008

Waiting...


Mimmo torna presto...almeno spero ;)
Stò bene. Stò lavorando. (Le due cose non sono proprio direttamente proporzionali).
Un abbraccio sincero a Voi tutti.

14 aprile 2008

Leona, Vasco e...la strana coppia

Mi son reso conto che è da un po’ che non aggiorno l’angolo dei videoclip…chiedo venia e visto da ieri sono rintanato a casa (causa un fastidiosissimo virus gastrointestinale) ho deciso di rinnovare la sezione con nuove succulente novità musicali. Periodo florido, a dirla tutta, che ha visto il ritorno di nomi importanti e la conferma di nuovi e incredibili talenti…con in mezzo dei bei duetti.
Iniziamo subito da quella che considero una delle più felici e belle sorprese del panorama musicale mondiale: la sempre più affascinante Leona Lewis! Dopo l’incredibile successo riscosso nella sua Inghilterra alla fine del 2007 la splendida cantante ventenne ha rapidamente scalato non solo le classifiche europee ma ha espugnato addirittura gli Usa, aggiudicandosi un importante risultato: prima artista inglese che ben dopo 20 anni a raggiungto la numero 1 della Billboard Single Chart col tormentone "Bleeding Love". Da qualche giorno però possiamo ritrovare l’eccezionale calda voce, l’infinito talento, l’emozione e la straordinaria bellezza di Leona Lewis nel suo secondo singolo "Better In Time". Le magnifiche sequenze in bianco e nero sottolineano la natura genuina, fresca e accattivante di questa artista che, spero, risentiremo ancora per molto tempo.

Ma il successo ha baciato direttamente in fronte anche una nuova star da ben 1 milione di copie: Duffy. Approdata all’onore della cronaca musicale direttamente dal Galles, è stata subito soprannominata “l´angelo biondo del soul” ed è riuscita nella miracolosa impresa di vendite di “Rockferry”, suo album di debutto, a solo un mese dall’uscita. Merito del successo? Una voce molto particolare, calda e profonda. Ascoltare per credere il suo primo singolo pigliatutto: “Mercy”. Difficile resistergli!

Grande e attesissimo ritorno italiano invece per il re assoluto del rock melodico da sold-out: Vasco Rossi. Il Blasco ha subito fatto centro col nuovo album di inediti, “Il mondo che vorrei”, anticipato dal primo e omonimo singolo in radio dal 14 marzo. Il video è stato girato a Los Angeles per la regia di Marco Ponti (figlio prediletto di Donna Sofia Loren) e vede un atletico Vasco che con la sua band scalano un palazzo di 15 piani usando una ripidissima scala antincendio esterna e portando con sé tutti gli strumenti necessari ad una performance live. Una volta giunti sul tetto, accompagnano Vasco in un'epica esibizione dedicata, come dice il testo, a "Il mondo che vorrei".

Ritorna a fine aprile anche l’indiscussa protagonista femminile della musica mondiale: Madonna. Miss Ciccone ha già pronto il suo nuovo e modaiolo album di inediti, "Hard Candy", anticipato da un singolo che la dice lunga sulle scelte della ex-signora-snodata in calzamaglia rosa confetto. Infatti il singolo prescelto è stato "4 Minutes (to save the world)” cantato in coppia con il delfino Justin Timberlake e prodotto da Timbaland (il rapper di colore conteso da Quelli che contano), caratterizzato da un intreccio di voci e un ritmo martellante ad alto potenziale di dance shakerato a una bella dose di beat e puro hip-hop. Naturalmente sia la canzone che il video sono già ai vertici delle classifiche mondiali. Una curiosità: dove stiperà tutti i miliardi la nostra cara vecchia Veronica?
Concludiamo questa carrellata di musica in primo piano…con una vera chicca! Prendete infatti Fabri Fibra, il rapper italiano più discusso e provocatorio, e associatelo alla folle e geniale “cattivona” rockettara Gianna Nannini. Il risultato della loro collaborazione è un nuovissimo singolo-bomba, “In Italia”, dal testo velenoso, appartenente alla vena neorealista di Fibra; intriso di durissime parole di denuncia ma imbevute di quel disincanto tipico rappresentativo delle contraddizioni che in fondo connotano e definiscono il modo di vivere di una comunità a cui tutti, consapevolmente o no, sentiamo di appartenere. Come si può facilmente capire dal leit-motiv del brano: "Ci sono cose che nessuno ti dirà/ci sono cose che nessuno ti darà/sei nato e morto qua/nato e morto qua/nato nel Paese delle mezze verità". Nota di merito anche per l’emblematico ma bellissimo videoclip: una cruda fotografia in bianco e nero tra le tombe del monumentale cimitero romano del Verano. Una location scelta proprio per simboleggiare la “lenta, quieta morte degli ideali e dei valori nel nostro Paese". Gianna Nannini compare, come sempre grintosa e spumeggiante. Ospiti d’onore sono invece Ambra Angiolini, nei panni di una psichiatra che analizza un sogno di Fabri Fibra, e la presenza “virtuale” di Roberto Saviano, il coraggioso autore del libro best seller “Gomorra”, riconoscibile in un campionamento della sua voce mentre dice: "Uno dei miei sogni era quello di rimanere nella mia terra, raccontarla e continuare, come dire, a resistere". In Italia sarà incluso nella riedizione del fortunato album “Bugiardo” di Fabri Fibra, che conterrà anche gli inediti “Hip Hop” e “Arrivano”.

A seguire tutti i videoclip (che ritorcete anche nell’angolo dedicato)…che ne pensate? Se po’ ffà? ;) Buon ascolto!



Leona Lewis, "Better in time":


Duffy, "Mercy":


Vasco Rossi, "Il mondo che vorrei"


Madonna feat. Justin Timbelake, "4 Minutes":


Fabri Fibra feat. Gianna Nannini, "In Italia":

10 aprile 2008

Happy Birthday, Mr. Mimmo!

Credevo di farla franca...ma ho notato che a molti di voi non è sfuggito: oggi il vostro Mimmo compie gli anni. E per evitare che spendiate soldi per assoldare agenti segreti vari e rompiate le scatole a Cia, Fbi, Ris, Poirot, 007, Montalbani, SignoreInGiallo e compagnia bella...sputo il rospo: compio 29 anni.
Come?
Non riuscite a leggere?
....MEGLIO!

ps: sappiate comunque che rimango un giovinotto nel fior fiore dell'età...tze!

07 aprile 2008

“Chickipedia”: il pollaio online di Gnoccolandia!

Appena nata ha subito fatto parlare di sé l’intera rete. Si chiama Chickipedia ed è una nuovissima enciclopedia “collaborativa monotematica” che ricalca, anche nel nome, la filosofia che sta alla base di Wikipedia, la più cliccata enciclopedia online. Ma questo nuovo portale “social network”, attualmente alla sua versione beta, ha una “missione” un pelino meno impegnata di Wiki…è infatti interamente ed esclusivamente dedicato alla bellezza femminile di una categoria molto invidiata e frivola: donne dello spettacolo, dello sport e dell’intrattenimento a 360°. Signori, abbiamo perciò a portata di mouse la prima enciclopedia online dedicata interamente alle "chick" (letteralmente "pollastrelle") ovvero le donne più belle, cool e sexy del magico pianeta di Gnoccolandia (ai più sconosciuto...accidenti!). Quindi denominatore comune di queste pulzelle è la notorietà e, fondamentalmente, l’indiscutibile bellezza. Le varie schede, o voci, sono minuziosamente arricchite da informazioni che riportano dettagliatamente le curve, la data di nascita, il colore di occhi, capelli, l’altezza ed anche il relativo gossip (dal nome del marito e/o degli ex mariti fino ai vari vizi e vizietti). E poi, ovviamente, una ricca galleria di video e immagini che fanno tremare l’informatica ragnatela e…non solo. Le più desiderate donne del pianeta sono divise in otto categorie: tv, film, musica, sport, fashion, politica, affari e altro. E quindi ce n’è davvero per tutti i gusti: modelle, attrici, pornostar, cantanti, politiche, presentatrici, ecc… Qualche nome? Fanno già bella mostra di sé le strepitose Angelina Jolie, Beyoncé, Anna Kournikova, Heidi Klum, Eva Mendes, Giselle Bundchen, Jessica Alba, Charlize Theron… e le bellezze nostrane italiane come Monica Bellucci, Michelle Hunziker, Elisabetta Canalis, Manuelona Arcuri. Un archivio (a quota quasi 3.000 schede) a cui tutti possono collaborare e che è destinato a diventare incredibilmente aggiornato e ricco. Siamo naturalmente agli inizi e comunque non è detto che non possano ambire a questa singolare enciclopedia anche donne più attempate, meno avvenenti e meno legate al mondo dello spettacolo. Si può infatti già trovare la pagina dedicata alle supergirl della politica, come la combattiva Hillary Clinton o le “colleghe” Condoleezza Rice e Angela Merkel. I creatori di Chickipedia non potevano che essere loro: un gruppo di inglesi che si sono già inventati “Break.com”, piattaforma alla “YouTube” dove gli utenti possono pubblicare online e condividere le proprie risorse.
Quindi, colleghi blogger e non, sapete quale nuovo sito è da inserire subito nei Preferiti! Buona visione. :)

04 aprile 2008

"Spot!": Vigorsol Air Action, il ritorno di Cippi Superstar!

È una star consacrata oramai. Si chiama Cippi e deve la sua inattesa e incredibile fama ad un…peto. Lo conosciamo tutti: è il simpatico e tenero, anche se un po’ irriverente, scoiattolo petomane protagonista dello storico spot 2007 di Air Action Vigorsol, dove salva la foresta da un incendio con l’aiuto di un chewing gum che stimola un salvifico ‘peto’. Lo spot aveva addirittura messo in moto i soliti bacchettoni, inorriditi dal gesto “sconcio” (mentre tollerano da anni le peggio cretinate gratuite che pullulano in tv). Adesso il nostro Cippi è tornato alla carica e da qualche giorno è in onda sulle principali emittenti tv la sua nuova avventura da 30 secondi. Questa volta contribuirà a risolvere un grave problema al Polo Sud e con l’aiuto di tre esilaranti pinguini affronterà uno degli effetti del “global warming”: lo scioglimento dei ghiacci. Il brand è sempre Perfetti Van Melle (che pensate ha avuto un budget in crescita del 3-4% sul 2007 ed un fatturato 2007 di 1.832 milioni di euro!) e l’agenzia creativa è la londinese “BBH”. Ma la novità è che a fianco del gruppo è sceso in campo addirittura il Wwf con la collaborazione fra i due per il progetto “Generazione clima”, e che parte dall’idea di uno spot per sensibilizzare l’opinione pubblica su questo problema climatico che affligge il nostro bistrattato pianeta. Quando il mero messaggio commerciale sposa una nobile causa. E poi questi pinguini son troppo forti! ;) Pare che il direttore creativo di BBH, Gill, abbia assicurato che sono previste altre nuove avventure con Cippy nel 2008. Il successo è stato talmente grande che è nato anche l’Advergame” di Cippi: un sito realizzato in flash che permette di cimentarsi in 3 diverse prove e giochi insieme allo scoiattolo che, per sconfiggere il pericolosissimo incendio della foresta, scatena decine di peti ad ogni nostro comando della tastiera o del mouse. Roba da non staccarvi più dalla tastiera e dal mouse: giocate su http://old.cippi.net/ A seguire il nuovo spot Air Action Vigorsol e quello del “debutto” di Cippi. Bacchettoni....tremate! :)


Vigorsol Air Action 2008: Cippi e i pinguini

Vigorsol Air Action 2007: il debutto di Cippi