03 agosto 2007

Grillo e la marcia del V-Day: tutti a quel Paese!

Ultimamente imperversa sul web l’ultima strabiliante iniziativa popolare ideata e promossa dal nostro caro Beppe Grillo. Questa nuova “battaglia”, come al solito portata avanti con il piglio del politico e il fare del comico da parte dello showman genovese, cerca di rendere finalmente operativa e reale la campagna “Parlamento Pulito” (lanciata tempo fa dallo stesso Grillo nel suo blog) e vorrebbe trovare una valvola di sfogo tramite l’adesione popolare al cosiddetto V-DAY, ovvero il Vaffanculo-Day, che nelle parole di Beppe è:

“…una via di mezzo tra il D-Day dello sbarco in Normandia e “V per Vendetta (il MAGNIFICO film dei fratelli Wachowski del 2005 che vi consiglio caldamente!).
Si terrà sabato otto settembre nelle piazze d’Italia, per ricordare che dal 1943 non è cambiato niente.
Ieri il re in fuga e la Nazione allo sbando, oggi politici blindati nei palazzi immersi in problemi “culturali”.
Il V-Day sarà un giorno di informazione e di partecipazione popolare.”

Una dimostrazione popolare che permetterà di far capire ai nostri CARI (mai tale termine risulta essere così adatto!) politici, nostri “dipendenti”, come la pensiamo realmente riguardo la classe politica italiana. Un urlo collettivo inkazzato diretto a questi stessi dipendenti, pagati a peso d’oro, che hanno dimenticato il significato di democrazia partecipativa e che impongono a milioni di cittadini onesti un arbitrario gioco di poteri forti e privilegi.

Le adesioni a questa grande giornata, che si preannuncia come un vero evento di partecipazione popolare, ha subito avuto un grande eco e si moltiplicano giorno per giorno varie iniziative per sostenere questa pacifica manifestazione.
Foto, video e tutto ciò che la fantasia suggerisce invadono ogni spazio del web…esilaranti i video che si trovano su You Tube, dalle canzoni ad-hoc create per l’evento (roba da far rabbrividire il Masini versione inkazzata anni ‘90…), agli scatti e filmati amatoriali che immortalano gente comune che agita fiera il segno della V.

In preparazione del V-Day, Beppe Grillo naturalmente non si ferma qui, tanto che lo scorso 26 giugno si è addirittura recato nella sede del Parlamento europeo a Bruxelles, dove davanti ad una sala conferenze gremita (e scioccata) ha spiegato la palude in cui si trova l'Italia.
Nel suo inconfondibile stile, prima di tutto ha denunciato il gravoso problema del Parlamento italiano che contiene una settantina di individui giudicati in primo e secondo grado, e 25 condannati in via definitiva.
Ha spiegato che la legge elettorale italiana è stata cambiata per impedire ai cittadini di votare il loro candidato. Così i partiti, non più di dodici persone, hanno deciso chi doveva fare il deputato o il senatore, attraverso l’elezione di loro “impiegati” invece che di REALI rappresentanti dei cittadini. Beppe ha quindi lanciato un appello per restituire la libertà di voto e di informazione all’Italia.
La libertà di stampa, quella poca che ci è rimasta, è difatti in serio pericolo. Basti pensare che il Parlamento voterà a breve al Senato una legge per impedire che siano rese pubbliche le intercettazioni disposte dalla magistratura che riguardano i politici (ennesimo privilegio!).

Clamorosa invece la notizia riguardante la Suprema Corte di Cassazione, che ha sostanzialmente sposato la proposta, pur definendola “un po’ forte”, presentata dallo stesso Grillo e da dieci cittadini italiani, che recentemente aveva depositato una richiesta di legge popolare per il “Parlamento pulito”.
In poche parole la proposta sancisce che chi riveste una carica pubblica e viene condannato in via definitiva per “cattiva amministrazione”, non deve avere ASSOLUTAMENTE la possibilità di candidarsi nuovamente.

Quello che chiede la campagna di Grillo è perciò un’iniziativa di legge popolare riassumibile in tre punti fondamentali per disinfestare il Parlamento:

1 - No ai parlamentari condannati
Nessun cittadino italiano può candidarsi in Parlamento se condannato in via definitiva, o in primo e secondo grado in attesa di giudizio finale.
2 - Due legislature
Nessun cittadino italiano può essere eletto in Parlamento per più di due legislature. La regola è valida retroattivamente.
3 - Elezione diretta
I candidati al Parlamento devono essere votati dai cittadini con la preferenza diretta.

L’8 Settembre gli italiani avranno la reale possibilità di riprendere in mano un Italia “sgarrupata” da decenni di partitocrazia, di massoneria piduista, di intrecci tra banche e mafia, di ingerenze del Vaticano nella cosa pubblica e dai più disparati conflitti di interesse.
Il V–Day trarrà tutta la sua forza dagli oltre 35000 volontari italiani che compongono i quasi 160 Meetup italiani che scenderanno in piazza per denunciare le nefandezze dell’attuale sistema politico italiano e per proporre costruttivamente soluzioni condivise da tutti i cittadini.

Siamo sicuri di voler continuare a volere un Paese che è diventato la Patria del maggior numero di morti per incidenti stradali? Il Paese del sole senza impianti di energia solare? Il Paese dell’arte con discariche e inceneritori e rigassificatori come nessuno in Europa? Il Paese del Diritto Romano con 350.000 leggi inapplicabili e in conflitto tra loro? Il Paese con scarso riguardo alle tecnologie alternative e al futuro lavorativo dei suoi giovani?

TUTTI AL V-DAY!

http://vaffanculoday.blogspot.com/


Una selezione video dedicata al V-Day:

Parodia Spot Fiat:


L'"inno" morale del V-Day:


Per riflettere sugli scandalosi compensi dei nostri "Dipendenti":


Da "V per Vendetta", il protagonista del film:


Sempre tratto dal film, il discorso di V:

10 commenti:

Giulianissima ha detto...

comunque complimenti, il taglio giornalistico dei tuoi post che mi piace molto

ciao

pOpale ha detto...

Il lato ironico è che per sentir parlare di alcuni argomenti bisogna rimettersi ai "comici"... per fortuna :)

pOpale ha detto...

p.s.: io ci sarò :)

Mimmo ha detto...

giulianissima...troppo buona!!!! ;)

popale...guarda che i comici in Italia ce li abbiamo da tanto tempo...ma non a teatro...bensì al GOVERNO!

MasterMax ha detto...

Ho preferito tornare prima dalle vacanze per esserci! E' importante per noi non perdere le speranze e per far capiere a mio figlio che non bisogna mai arrendersi. Il tuo blog è veramente interessante. In una visita ho scoperto due cose che non sapevo. Grazie per le tue visite che ricambierò spesso con piacere! Ciao, Max

Il Mari ha detto...

Visto i lavori in casa, da dieci mesi vivo lontano dalla televisione. Ad essere sincero non mi manca.
Saltuariamente, per pigrizzia ascolto la radio e con interesse leggo il giornale.
Apprendo del V-Day dal tuo blog.
Ne avevo sentito parlare, ma non in maniera così approfondita.

Grazie al tuo blog ora ho capito il significato di questa giornata e mi riprometto di approfondire l'argomento.

Ho sbirciato anche tra gli altri post. Toenerò a trovarti

rob ha detto...

Bravo Mimmo, mi associo ai complimenti di Giuliana.
Proprio oggi leggevo un articolo sul Sole 24ore che, parlando dei blog in generale diceva che alcuni blog danno informazioni che non si trovano da nessuna parte e ormai svolgono una funzione para-giornalistica, se non addirittura migliore dei giornali stessi.
Il tuo è uno di quelli, ancora complimenti e continua così.

Mimmo ha detto...

Mastermax...ricambierò con piacere anche io...ma se racconti altre avventure con protagonista il tuo fantastico figlioletto! ehehe.. ;)

il Mari...sono rimasto stupito dal tuo bel blog!...addirittura la scelta dei mosaici! ;)

Rob...grazie davvero!!! Diciamo che questo blog mi rilassa proprio perche riesco a coniugare la mia passione per la scrittura e per la creatività! :)

Appena ho tempo linkerò parecchi di voi..perciò fate i bravi! ;)

orchideablu ha detto...

Wow informazioni dettagliate su questo argomento...grande Mimmo.Molto interessante il tuo blog, felice di averti scoperto... buona domenica :-)
Ps. Che ci fai ancora tra le braccia di Morfe-a ??? :-)

Kniendich ha detto...

Non voglio passare per il disfattista di turno, ma in Italia allo stato attuale se l'unico a dire le cose come stanno è Grillo... siamo messi davvero male!! L'italiano si lamenta ma nulla più; del resto basta farlo distrarre con le partitelle domenicali o con un bel cellulare che si dimentica tutto quello che di becero stanno facendo della sua dignità. Anche io mi unisco ai complimenti, il tuo blog è senza dubbio molto interessante.