21 novembre 2007

"Iad": la web-malattia del nuovo Secolo

Si chiama “Internet addiction disorder" (Iad) ed è un disturbo ossessivo-compulsivo, una sorta di web-dipendenza che è stata definita, da psicologi, psichiatri e specialisti, come una vera e propria malattia del secolo. E’ il “mal di Internet” che si traduce in “trance dissociativa da videoterminale” (una patologia del tutto nuova che scatta con l’utilizzo prolungato del mezzo informatico) e legata alla “pc-dipendenza”, “email-dipendenza” e “videogame-dipendenza”: questi i sintomi che identificano i disturbi psichiatrici del ventunesimo secolo. Parola di esperti!

La sindrome Iad colpisce un numero sempre più alto di appassionati del web, una seria minaccia per la salute mentale che giunge così direttamente dal mondo della tecnologia. Alcuni di questi disturbi discendono dai processi proiettivi e identificativi che si mettono in atto quando si viaggia a lungo in dimensioni “parallele” rispetto alla realtà.
Dinamiche facilitate dalla costruzione ad hoc di alter ego virtuali, gli avatar, oppure dall’immedesimazione con i diversi personaggi che popolano il web: uno su tutti il mondo di Second Life che accentuerebbe il senso di onnipotenza (dovuta all’assenza di limiti anagrafici, geografici, contestuali) in soggetti mentalmente disturbati e che potrebbero commettere atti pericolosi nella vita reale.

I disturbi legati alla Rete stanno colpendo navigatori di Paesi e culture diverse, in Europa, Asia e Stati Uniti. Ed è proprio il popolo del Sol Levante uno dei primi a correre ai ripari: l'internet addiction in Corea del Sud è infatti diventata una reale piaga sociale. E naturalmente non è una coincidenza, infatti la Corea del Sud è tra i più avanzati nella connessione a internet, presente addirittura nel 90% delle abitazioni.
Ahn Dong-Hyun, psichiatra infantile dell'università Hanyang di Seoul, afferma che fino al 30% dei sudcoreani che hanno un'età inferiore ai 18 anni, dunque 2,4 milioni di persone, sono affetti dalla sindrome
, e trascorrono almeno due ore al giorno online, normalmente chattando o giocando su internet.
Così, per curare i drogati da internet
è stato lanciato, la scorsa estate, il primo "boot camp" (letteralmente campo di addestramento) che è stato chiamato "Internet rescue camp": un campo di training per salvarsi dal web, una vera e propria casa di cura, la prima nel paese ma probabilmente anche nel mondo intero. L'istituto è stato costruito nella cittadina di Mokcheon e ospita giovani sudcoreani: il campo offre attività all'aperto ispirate alla vita militare, sessioni di gruppo e vari tipi di terapie.
Il successo è stato tale che il governo di Seoul ha lanciato così un nuovo network di 140 centri di aiuto, oltre ai programmi di trattamento presenti in quasi 100 ospedali.

I disordini psichiatrici collegati a internet non hanno comunque risparmiato altri paesi, come Taiwan e la Cina, che hanno riportato gli stessi episodi. Stesso discorso negli Stati Uniti, dove gli psichiatra hanno stimato a nove milioni il numero di americani che soffrono di "utilizzo patologico di computer
".
Gli studiosi degli States si sono concentrati sull’esistenza di fattori di rischio che potrebbero portare a stati psico-patologici gravi anche se alla fine la vera discriminante è senz’altro il numero di ore trascorse davanti al computer e naturalmente il tipo di web-esperienza diversa da caso a caso.

Lo studio della Iad ha permesso di sviluppare delle scale psico-diagnostiche per il grado di dipendenza e di astinenza dall’utilizzo del computer. Volete perciò sapere se siete davvero dipendenti o state precipitando rapidamente nella dipendenza da Internet?
Collegatevi al sito della" Società Italiana di Intervento sulle Patologie Compulsive", tramite il link che segue, per scoprire qual è il vostro rapporto con internet e valutare il vostro livello di dipendenza nonché il danno che l' uso di Internet potrebbe portare alla vostra vita.
Poi non dite che Mimmo non vi ha avvisato! ;)


19 commenti:

Cilions ha detto...

Lo ammetto... sono malato!!!
;)

Franca ha detto...

Ho letto che in Giappone hanno addirittura aperto delle cliniche per disintossicare i ragazzi, come per le dipendenze da stupefacenti

Piggio ha detto...

da paura!
Ho beccato un 61

signor ponza ha detto...

Ecco, lo sapevo, sono malato pure io.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

prima fascia quindi capacità di gestire bene la rete anche se con punteggio 40 (20-49 la prima fascia)

In realtà quando devo uscire od avere altri impegni il "distacco" da internet lo vivo benissimo. Chiaro che il mio blog è per me una creatura importante quindi fa parte di me. Ma come ho potuto constatare è tutto sotto controllo :-)))

Mimmo ha detto...

Cilions...puoi avviare le pratiche per partecipare al campus coreano quindi! ;)

Franca...esatto! è incredibile!

Piggio...stesso discorso di Cilions! ;)

Signor Ponza...cavolo! Dobbiamo organizzare un pullman a questo punto! :)

Daniele...vuol dire che tu ci accompagni! ;)

Ross ha detto...

Mah... come in ogni cosa secondo me basta un po' di buon senso. Ora scusate ma devo andare: sto chattando con quattro persone, ho due messenger aperti, sto per passare al diciottesimo livello di Alien Fighting 2, devo aggiornare il mio blog e commentarne altre centinaia, e già che ci sono fare anche una ricerchina su gooooogle per scoprire il numero medio di peli di un orso malese.
;)

ArabaFenice ha detto...

Me lo dici proprio ora che ho aperto il proprio blog??? vuoi farmi preoccupare?:-)
Ma no, ormai mi sono assefuatta, ore di lavoro sul pc e poi i blog a casa non mi fanno più niente. Però dovremmo prenderci l'impegno ogni tanto di provare a non accende il pc per nessun motivo.
Per esempio la domenica, spesso evito.


P.S.:Ho letto ieri questi i tuoi ultimi post, ma no nriuscivo a commentare perché al solito non si apriva il pop-up.

Michela ha detto...

A me non funziona il test,secondo me avrò totalizzato più di 100 :P
cmq credo di esserci pienamente dentro..salvo qualche risposta XD vogliamo parlare dell'eccitazione? ^_^ meglio di no si rispettano i metodi tradizionale per quelli!

Ciao tresòr
bacinooo

Annachiara ha detto...

Grazie mimmo, dell'avvertimento. Io però ho vinto la web addiction con i figli...quelli ti ci fanno staccare dal monitor! ;-)

Suysan ha detto...

L'ho fatto due volte e non mi da il risultato..........forse è meglio non sapere........

Mimmo ha detto...

Ross...hai poi installato il cesso-poltrona??? ;)

Arabafenice...sei talmente assuefatta dal web...che le finestre si ribellano! ;)

Michela...HAI FUSO IL TEST!!!!! :)

Annachiara...devi solo che ringraziarli a vita...i tuoi pargoli! ;)

Suysan...esatto. Fai finta di niente! :)

ikla ha detto...

Ho fatto il test pensando di essere "malata" di web... e invece il risultato mi conforta, il mio punteggio è altino (46), ma rietro ancora nella prima fascia:0

Grazie Mimmo! Ora non possono più stressarmi in famiglia;)

Mimmo ha detto...

Ikla...fatti una copia del risultato e mostralo ogni volta che rompono!!!! ;)

ikla ha detto...

ok, ottima idea:)
bacione e grazie del commento!

Mimmo ha detto...

Ikla...grazie a te! ;)

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)

Anonimo ha detto...

molto intiresno, grazie

Anonimo ha detto...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu