19 luglio 2007

TheSimpsonMania!

Attesa mondiale alle stelle per il debutto ufficiale del primo film-evento della famigliola gialla americana più popolare del cosmo, «The Simpson Movie», che il 27 luglio arriverà finalmente nelle sale americane e inglesi e il 21 settembre in quelle italiane.
Per il lancio del film, la 20th Century Fox non ha badato a spese eil budget sborsato per promuovere la pellicola non ha eguali per il lancio di un cartoon.Le iniziative vanno però aldilà del semplice merchandising o dell'invasione mediatica, e non solo, di Homer & Co.

E ad una settimana dal debutto le trovate più geniali e divertenti non potevano non essere segnalate dal vostro Mimmo...che ha una passione decennale nei confronti di questa serie che ha fatto sfraceli ovunque.

Quello dei Simpson è un successo che forse neanche Matt Groening, "papà" dei Simposon, avrebbe immaginato. Oggi Groening è un cinquantatreenne, allergico alle riunioni, così ricco da potersi permettere di delegare la produzione delle storie a un collaudatissimo team creativo.

Ma non ha mai abbandonato la direzione creativa della serie. Groening è sempre stato un appassionato di fumetti e leggenda vuole che la creazione dei Simpsons abbia richiesto all'autore 15 minuti di lavoro, grazie a James L. Brooks, regista e produttore di successo, che chiese al talentuoso Matt di disegnare un cartoon di un minuto da mandare in onda in testa e in coda agli spot del "Tracey Ullman Show", un talk show comico in onda sulla Fox.
Per i nomi l'autore si ispira alla sua famiglia: infatti il padre si chiama Homer, la madre Marge e le sorelle Lisa e Maggie. L'unico personaggio ad avere un nome inventato è quello ispirato a se stesso: Bart (anagramma di "brat", ovvero monello).
Il successo è immediato: dopo il timido esordio nel 1987 già nel dicembre 1989 i Simpson debuttano in prima serata, e addirittura nel 1998 "Time" la proclama "miglior serie tv del secolo".
Dulcis in fundo, nel 2000 "firma" la Walk of Fame di Hollywood (il marciapiede con le impronte delle mani delle star), e addirittura "D'oh", la tipica esclamazione di Homer è entrata nel serissimo Oxford English Dictionary!
Ci si aspettava perciò un "regalo" dal geniale Matt...ed è arrivato puntuale ben 20 anni dopo il debutto: un film che ha mandato in tilt i fans, assetati di notizie riguardanti la trama, immagini esclusive e trailer col contagocce.

L'iniziativa cardine lanciata dalla Fox è stata quella di scegliere la cittadina immaginaria della serie fra le reali 151 Springfield degli Stati Uniti: la prescelta, grazie ad un voto online, è stata Springfield nel Vermont, nella regione del New England, un piccolo stato al confine con il Canada.
La cittadina di 9.500 anime si è aggiudicata il titolo grazie a un video che mostrava Homer rincorrere una gigantesca ciambella rosa per le vie della città e, fattore decisivo, alla presenza di una centrale nucleare a poca distanza dal centro abitato, simile a quella gestita dal perfido Mister Burns. La città ha ospitato la prima prima assoluta del lungometraggio lo scorso 10 luglio.
Altra succosa notizia è l'apertura a Los Angeles del Kwik-E-Mart (nella serie italiana è il Jet Market), identico a quello gestito dall'indiano Apu . All’interno, ovviamente,si
possono gustare le schifezze preferite da Burt & Co.: i veri cereali di Krusty il clown, le mitiche birre Duff, la Buzz Cola, le ciambelline rosa di Homer, etc...

Ma la genialata ASSOLUTA, a pare mio, è il numero di agosto di "Harper´s Bazaar" (storica rivista americana di Moda) che ha dedicato un eccezionale e singolare servizio a fumetti: "The Simpsons go to Paris with Linda Evangelista"!
Sulle pagine patinate della celebre rivista, l'altrettanto famosissima top-model Linda Evangelista (anch´essa, per l´occasione, "ingiallita"), riveste i panni di guida d'eccezione per la gialla famigliola lungo le vie della capitale parigina, nel corso della settimana dell'alta moda.

Negli atelier più fashion della Ville Lumiere troviamo così, pagina dopo pagina, Marge indossare un abito da sera Versace sotto gli occhi di Donatell, una mise da gran gala di Chanel e J.P. Gaultier, Lisa provare una creazione di Lanvin e le zie gemelle Patty e Selma (inusuali nei panni di signore fashion!!) indossare estrose creazioni.
Insomma, signori miei, l'attesa sale al massimo e ci toccherà "soffrire" un pò...prima di deliziarci con questo filmone evento, magari un pò riudimensionato dai tipici e prevedibili eccessi made in USA. A noi in fondo, basta poco.
Nel frattempo...ciucciamoci tranquillamente il calzino! ;)

Link della gallery del "vero" Jet-Market


Ultimo trailer:


Gallery del servizio di Bazaar:































2 commenti:

PePPe ha detto...

Da appassionato dei Simposn, non vedo l'ora di vedere il film....sicuramente ci sarà da ridere!!!

Mimmo ha detto...

peppe...puoi scommetterci! peccato veramente che uscirà cosi tardi in italia. l'effetto sorpresa e attesa sarà già scemato....cmq è da non perdere!