Libertà: Free Burma!

Free Burma!

La situazione diventa sempre più grave in Birmania.
Amnesty International ha sollecitato il Consiglio Onu dei diritti umani a pretendere dal governo di Myanmar il rilascio di tutte le persone arrestate nel corso delle manifestazioni pacifiche: oltre 1150 prima dell’attuale crisi insieme alle oltre 150 persone arrestate ad agosto, nei primi giorni di protesta, a meno che queste ultime non siano incriminate per un reato di accertata natura penale.
Oltre 4.000 i monaci arrestati e deportati in veri e propri lager privi della loro tunica ed in luoghi con temperature vicine allo zero.
E mentre sui media di regime proseguono incessanti i video propagandistici che accasano presunti "sabotatori dell'ordine pubblico", le forze di sicurezza del Myanmar continuano ad effettuare decine di arresti e numerosi rastrellamenti in numerosi quartieri della capitale birmana, durante le ore del coprifuoco (ovvero da mezzogiorno!): più di 6000 persone sono state arrestate ieri nella sola Rangoon.

Purtroppo il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-Moon, ha detto che il viaggio dell'inviato delle Nazioni Unite a Myanmar "non si puo' definire un successo". Ban Ki-Moon ha sottolineato comunque come l'inviato abbia consegnato "il messaggio piu' fermo possibile" alla giunta militare birmana, riguardo alla violenta repressione delle manifestazioni antigovernative della scorsa settimana.
Intanto i 27 Stati membri dell'Ue hanno raggiunto a Bruxelles un accordo politico sull'inasprimento delle sanzioni in vigore alla Birmania. I dettagli dell'accordo saranno messi a punto nei prossimi giorni e passeranno al vaglio della riunione dei ministri degli Esteri dell'Ue il 15 ottobre prossimo.
Molti bloggers oggi, 4 Ottobre, postano sottolineando la frase "Free Burma!", "Birmania Libera!".
Aggiungete anche voi nei vostri blog la frase "FREE BURMA" e visitate il relativo sito creato per sostenere la causa della Birmania Libera: http://www.free-burma.org/
Continua invece la raccolta firme della Sezione Italiana di Amnesty International, giunta ad oltre 35.000 adesioni.
Se non l'avete fatto firmate anche voi l’appello per la scarcerazione dei manifestanti arrestati nei giorni scorsi, pubblicato sul sito italiano di amnesty:

Grazie a tutti.

Commenti

Omai lo ripeto fino allo sfinimento ma non lasciamoli soli.

PS: ho postato una proposta per realizzare una inizitiva unitaria tra bloggers per la Birmania e come ti ho già scritto ci terrei molto ad averti della partita.

Il post è già sul mio blog.

Ciao
Daniele
Aiuolik ha detto…
Oggi anche le nostre cucine sono rimaste chiuse per dire "Free Burma!"
pOpale ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
pOpale ha detto…
Sono della partita.
Grande mimmo
PePPe ha detto…
Ammiro il coraggio del popolo della Birmania che cerca di ribellarsi ad un oppressione ormai insostenibile...
Anche sul mio blog presente la scritta Free Burma!
MasterMax ha detto…
Grazie per la segnalazione mimmo. Ho aderito alla petizione e postato il mio messaggio, come ripeto sempre tante piccole gocce formano il mare.
Max
Giulianissima ha detto…
te l'ho già detto ma te lo ripeto. dovresti fare il giornalista...scrivi davvero bene
Franca ha detto…
Che la situazione sarebbe andata peggiorando era prevedibile, ma continuiamo a tenere alta l'attenzione.
Se ci saranno sanzioni europee, la Francia impedirà alla Total il prelievo del gas birmano?
Elle ha detto…
Grazie Mimmo per la segnalazione. Ti faccio i miei complimenti poichè sai informare e sintetizzare molto bene qualsiasi notizia. Hai "stile" e talento!
Un bacione
Mimmo ha detto…
Daniele...sono passato e commentato! Grazie! ;)

Aiuolik...è per una causa nobilissima. Le pentole possono attendere...;)

Popale...grazie! Non avevo dubbi.

Peppe...ho visto! Mi raccomando...diffondi per bene in tutto il Salento! :)

MAstermax...esatto: dobbiamo inondare il web!

Gulianissima...sei troppo gentile! :) io ci sto provando...speriamo bene. Io non mollo mica!

Franca...onestamente non me ne frega un tubo! Questo schifo deven avere una fine. E speriamo sia vicinissima!

Elle...e mò divento rosso! Che si addice pure alle iniziative pro-Birmania :) grazie di cuore. Un abbraccio!
Giuy ha detto…
mo firmo e poi scappo al lavoro :)
Franca ha detto…
La fine potrà esserci solo se il regime viene preso "per fame".
Senza sanzioni economiche questo non può avvenire.
Sapremo noi potenze occidentali rinunciare alle loro materie prime?
Era questo il discorso sulla Total...
alicesu ha detto…
ho firmato, naturalmente.
Questa storia è davvero agghiacciante
Mimmo ha detto…
Giuy...grazie di cuore! :)

Franca...avevo ben inteso la tua affermazione. E mi fa rabbia perche è la verità...sotto queste tragedie c'è sempre questo cavolo di interesse economico che non guarda in faccia a nessuno. Sono bravi i nostri politici a dimostrare "solidarietà2 con le parole. Ma sanno BENISSIMO cosa fare...bisogna perdere "qualcosa".

Alicesu...aggiahcciante...a dir poco. Io non vorrei mai più leggere, sentire, scrivere la parola LAGER.
Il Mari ha detto…
Mi unisco al coro di colplimenti per il tuo stile da vero giornalista e la tua capacità di sintesi.
Complimenti che si estendono anche per aver evidenziato ulteriormente il problema birmano.
Suysan ha detto…
Passo per dirti che ho gi� firmato e per farti i complimenti per questo post e per tutto il blog in generale..........
Davide ha detto…
Forza ragazzi, insieme possiamo mandare un bel messaggio.
Non lasciamoli soli.
Mimmo ha detto…
ilMari...mi stai rendendo i complimenti che ti faccio io? ;) ...grazie carissimo!

Suysan...ringrazio anche te!!! sei troppo gentile!!!

Davide...oramai la frase di Daniele è il nostro motto: "non lasciamoli soli!" :)
Kniendich ha detto…
Ammiro il tuo impegno sociale nei confronti di questa povera gente... anche io sul mio blog ho lasciato una goccia...
Mimmo ha detto…
Kniendich...è una goccia vitalissima! credimi! grazie! :)
Anonimo ha detto…
Si, probabilmente lo e
Anonimo ha detto…
La ringrazio per Blog intiresny
Anonimo ha detto…
necessita di verificare:)

Post più popolari