07 novembre 2006

“La bambina lazarus”... oltre il confine…




...Cosa c'è oltre la linea dell'encefalogramma piatto?

Un buco nero, una luce? Non si sa.

L'unica certezza è che da lì non si torna indietro.


Frankie è una bambina in coma vegetativo a causa di un incidente di cui si incolpa, senza una valida ragione, il fratello maggiore Ben che, a seguito di questa tragedia, va chiudendosi giorno dopo giorno in un apatico isolamento.
I genitori, disperati, si rivolgono alla neurologa Elisabeth Chase, ultima speranza per far risvegliare la figlia, ma la dottoressa capisce presto di avere bisogno dell’aiuto di Ben per riuscire nell’impresa…
Questa è la trama, in linee generali, del famoso best-seller “La Bambina Lazarus” di Robert Mawson di alcuni anni fa (credo 1998) che lessi tutto d’un fiato e mi emozionò parecchio!

Trama intrigante, appassionata e molto commovente visto il tema molto delicato di cui tratta…un libro che rapisce subito insomma!



L’altro pomeriggio sono andato a vedere “L’Ultima porta”, film uscito da poco nelle sale,attirato dal trailer che descrive il film come il predecessore de “Il sesto senso” e di “The Others” (films che adoro!!!). Ebbene….siccome in Italia c’è la gran moda di stravolgere i titoli originali, nel momento in cui scorrono i titoli di testa con mia grande sorpresa scopro che il film è tratto dal libro sopracitato!!!!

Soddisfatto e felice mi preparo allo spettacolo degustando i momenti che avevo immaginato leggendo il famoso libro…..ma il film è decisamente malriuscito e, per certi versi, anche ingannevole nonostante la confezione e la trama possano infatti indurre a credere che il film rientri nel genere “psyco-thriller”!

La storia, caotica e tirata per i capelli, sfrutta pochissimo l’elemento soprannaturale e accatasta confusamente scene e situazioni completamente slegate tra di loro e prive di un qualsiasi senso logico.
I personaggi, appena abbozzati e descritti con agghiacciante manicheismo, appaiono e scompaiono come per magia, moltissimi spunti narrativi vengono lasciati cadere, e si finisce per annoiarsi a morte.
Forse solo il finale riesce finalmente a emozionare un pochino…..poichè effettivamente segue l’andazzo del libro.
Ma forse è troppo tardi……..il pubblico in sala già ronfa che una bellezza
.

Vi consiglio quindi di risparmiarvi i soldi del biglietto…..e acquistare il libro ;)






4 commenti:

Miky ha detto...

sto ragazzo ci sa fare nel recensire film :-)

Marco ha detto...

Dobbiamo arruorarlo nel club degli amici cinefili!

Miky ha detto...

quoto il socio... :-)
Domeeeeeeee che film mi consigli??
io te ne lascio 5

Mystic River
la 25ora
the life of david gale
5 Finger
Unsaid

Mimmo ha detto...

miky....
se clicchi sul mio profilo puoi trovare alcuni "suggerimenti" ;)

naturalmente la lista di film è destinata a crescere.....

il club dei cinefili? me gusta :)))