14 gennaio 2008

“The King” is back: buon compleanno, Elvis!

A metà degli anni cinquanta sconvolse e scandalizzò il panorama musicale mondiale. Autentico rivoluzionario della musica, sarà ricordato per sempre come “The King”, il re del rock’n’roll: Elvis Presley. Nato l’8 Gennaio 1935, da una famiglia di umile origine a Tupelo (nel Mississipi), il suo successo fu immediato ed immenso ma non solo per la musica, ma anche per l’abbigliamento e per lo stile: il suo famoso ciuffo e le basette sconvolsero la moda imperante che imponeva agli adolescenti pettinature stile marine, mentre il suo tipico ancheggiare sensuale, da cui prese il soprannome “Elvis the Pelvis”, turbò l’America puritana e perbenista. L’adolescenza passata prima a Tupelo poi a Memphis, dove frequentò soprattutto i quartieri della gente di colore, insieme alle origini Cherokee del padre, fa di lui una figura anomala anche nel panorama razzista del Sud degli Stati Uniti degli anni ’50. Praticamente tutto il rock deve qualcosa ad Elvis o ha preso influenza da lui e dal suo originario e rivoluzionario rock’n’roll.

Oggi, a 73 anni dall’anniversario della nascita, ritroviamo il leggendario Elvis nuovamente ai vertici delle classifiche musicali, ottenendo un ennesimo sconvolgente record: per la prima volta e' anche il re dei download in Italia! Per la terza volta nella storia, infatti, è stata pubblicata una canzone del re del Rock‘n’Roll remixata da un DJ/artista contemporano: “Baby Let’s Play House” (brano del 1955) di Spankox, vero nome Agostino Carollo, un DJ/produttore e compositore italiano che ha prodotto e remixato brani per molti celebri artisti tra i quali Roxette, Snap e Vasco Rossi.
Le prime due hit remixate, “Rubberneckin’” (remixata nel 1998 dal DJ americano Paul Oakenfold) e “A Little Less Conversation” (remixato nel 2003 dal DJ olandese JXL) sono state delle super-hit mondiali.
Il remix di “Baby Let’s Play House” è pertanto riuscito ad entrare nella classifica dei singoli digitali FIMI-Nielsen Soundscan, arrivando quasi subito al numero uno, scalzando dal trono l’inchiodata “No One” di Alicia Keys. Stesso discorso nella classifica digitale di “iTunes”, dove il nuovo remix ha scavalcato il nuovo bellissimo brano di Jovanotti, “Fango”. Merito, principalmente, dei passaggi radiofonici che hanno fatto scattare il passaparola tra nuovi e vecchi fan di the Pelvis, che hanno acquistato il brano nella versione digitale, spingendolo fino al vertice della classifica.

Dopo la pubblicazione digitale è anche arrivata la release fisica di “Baby Let’s Play House”, uscita l’8 gennaio per celebrare il compleanno di Elvis ed effettuata su uno speciale VinylCD, un nuovissimo disco che può essere suonato sia in un normale lettore di Compact Disc sia con un più tradizionale giradischi. Questo nuovo disco di Elvis è il primo al mondo ad essere pubblicato su questo nuovo supporto, che come i vecchi 45 giri ha un lato A (vinile) e un lato B (Compact Disc). Il packaging di questo originale prodotto assomiglia a quello di un disco LP. Il disco include le versioni Radio Edit, Extended Mix e la versione originale del brano rimasterizzata. Inoltre, come bonus, è anche incluso il brano in versione suoneria telefonica. Il fantastico videoclip ufficiale, girato tra gli USA e Ibiza, imperversa sul web e lo trovate a fine post. Insomma…solo Elvis riesce sempre a stupirci e a far parlare di se, anche a distanza di anni dalla sua scomparsa, e godendosi l’ennesimo primo posto in classifica. Magari spaparanzato su un isoletta del Pacifico.




Elvis Presley, "Baby Let's Play House" (Spankox Re:Version):

I precedenti remix:
1) Elvis Presley, "Rubberneckin' " (Paul Oakenfold Remix):


2) Elvis Presley, "A Little Less Conversation" (JXL Remix):

17 commenti:

silvio ha detto...

Ciao Mimmo. Grazie per essere passato per il mio blog. Anche il tuo è molto bello da leggere e... da guardare!!
ci scambiamo i link???
io ti ho già linkato.
a presto.
Ciao!

Mimmo ha detto...

Silvio...benvenuto! ;) aggiornerò presto il mio blogroll! Grazie per la tua aggiunta.

signor ponza ha detto...

A me Elvis non piaceva. Poi ho scoperto alcune canzoni lente come "In the Ghetto" e allora l'ho rivalutato.

guccia ha detto...

Bhè certi miti non tramontano mai ;)

Ross ha detto...

Elvis è sempre Elvis!

Kniendich ha detto...

Elvis lo reputo uno dei simboli dell'umanità moderna.. da portare su Marte quando andremo a vivere lì.. assieme alla Coca Cola, Internet, la crostata di mele...

Finazio ha detto...

La nuova versione di "A Little Less Conversation" mi era piaciuta di più, quest'ultima mi è sembrata più una raschiatura di barile. In ogni caso le canzoni di Presley sono da preferirsi nella versione originale.

PePPe ha detto...

Grande Elvis!!! Uno dei padri del rock...

Cetta ha detto...

Ma io adooooooooro Elvis!!!!!! Grande!!!!

Sara Sidle ha detto...

Quando ero bimba tenevo appeso sopra il letto il poster di Elvis, ero innamorata ed ascoltavo sognante tutte le sue canzoni. Rimane il re, con la sua musica, la vita ed anche la sua morte. Voglio sperare anch'io che sia, ormai decrepito, nascosto su qualche atollo, magari con la Monroe e Morrison! Non sono d'accordo, però, sul rifare continuamente le canzoni vecchie. Cavolo, ma fare qualcosa di nuovo no eh? Pur fatte bene che siano, sempre questi rifacimenti mi sono venuti a noia..
Bacioni

gianluca ha detto...

ciao, mi piace il tuo blog e ti volevo proporre uno scambio link; fammi sapere ciao

www.gianlucapistore.com

Miss Dickinson ha detto...

Come anche per Jim Morrison, circola quella specie di leggenda secondo la quale sia lui che Elvis, sarebbero da qualche parte del mondo a godersi la vecchiaia.
Sarebbe bello se fosse davvero così, ma tutto questo non fa altro che alimentare il mito, il sogno, l'immaginario.
Spero però che, da qualsiasi parte si trovi, gli sia sfuggito il fatto di avere avuto Michael Jackson come genero, anche se solo per un paio d'ore! :P

Virgilio Rospigliosi ha detto...

Ci dovevi vedere lo scorso anno al Carnevale in Svizzera... 5 bischeri tutti vestiti da Elvis..Ci siamo divertiti da matti!!

Comunque è un grande personaggio, peccato che non l'ho vissuto come cantante, nel senso che è di un altra epoca.
Accontentiamoci di Ligabue.

Giovanna Alborino ha detto...

io sono dell'80, ho sentito parlare di elvis, ma non so' molto su di lui e forse non ricordo nemmeno se ho ascoltato qualche canzone, pero' so' che e' stato un mito per molti..

buona giornata

Mimmo ha detto...

SignorPonza...io avevo mio papà fan sfegatato di Elvis. Ma non mi aveva mai colpito più di tanto. Poi crescendo...ho apprezzato maggiormente il suo stile e la sua musica.

Guccia...è uno dei simboli del secolo scorso!

Ross...esatto! :)

Kniendich...io mi porterei anche la Yespica! ;)

Finazio...hai ragione. Ma il fatto che peschino sempre nel repertorio di Elvis...è eccezionale! ;)

PePPe...uno? direi più IL Padre! :)

Cetta...benvenuta carissima ;)

SaraSidle...dubito che Elvis riesca a fare qualcosa di nuovo! ehehehe...se ci riesci a scrollarlo dall'isoletta sperduta e rimetterlo in sala di registrazione sei una GRANDE! ;)

Gianluca...benvenuto anche a te! Ho visto che sei giovanissimo. Beato te...ehehe! ;) Ti aggiungierò volentieri ai miei link appena aggiorno il blogroll! ;)

MissDickinson...in caso contrario...si sarà rivoltato nella tomba! :))

Virgilio...avete documenti fotografici...o li avete rinchiusi in qualche archivio??? ;)

Giovanna...ne sentirai parlare ancora per molto! ;) quindi...aggiornati e sparati tutta la sua sconfinata discografia! :) Auguri!

ArabaFenice ha detto...

Elvis mi è sempre piaciuto. Anche i suoi film, per quanto scontati e scanzonati, li trovo dotati di un so che di fascino.
Molto meno positivo invece il giudizio sui remix delle sue canzoni.

Mimmo ha detto...

Arabafenice...i suoi film sono dei reperti deliziosi! ;)